Le Mie Ricette

GELATINA DI UVA FRAGOLA
Io da quest'anno grazie a mia zia nelly .( vive a Cali colombia)che mi ha fatto assaggiare il succo di uva fragalo era una bontà e cosi ho deciso di fare la gelatina di uva. per fare il il succo di uva fragola, lavare per bene l'uva fare bollire leggermente e lasciare a macerare per una notte intera. il giorno dopo centrifugare Con l'accortezza di passare più volte gli scarti nella centrifuga per sprecare il meno possibile di succo.. . E poi soprattutto ho recuperato anche la parte meno acquosa che è stata centrifugata ma si deposita sotto il filtro.State attenta per no buttare il materiale buono Per chi non ha la centrifuga vi progongo di procedere come facevo io con il frullatore (frullare il succo d'uva) e poi filtravo il tutto con un colino a maglia stretta, più volte. Una volta ottenuto il succo di uva fragola la procedura è semplice e rapida. Metto succo, zucchero e tutta insieme in una pentola a fuoco medio e non altissimo. Mescolo con un cucchiaio di silicona per far sciogliere zucchero e aspetto pochissimi minuti che il composto incominci l'ebollizione (ma non aspettate di vederla forte iniziate a contare da quando la vedete appena accennare). Contate due minuti quindi spegnete e aggiungere la gelatina mettete nella formine (io lo messa nei bicchierini da cafè ) e decorata come nella foto E' necessario che stia sul fuoco il meno possibile perchè perde il sapore naturale e il colore cosi avrà un sapore di frutta fresca e non cotta. Provatela e fatemi sapere
Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 11 gennaio 2012

Il mondo di alessandra con la cassata





                                                                                                 
cassata il colore del mare

Alessandra Castillo Culinary Arts la regina avolta nelle foglie di arancia.... se lo merita.. auguri e venvenuta nella mia vità..nei dolci che  amo fare... sei stupenda.... alessandra castillo...

 

cassata   decorata  con il marzapane




 



Alessandra Castillo Culinary Arts la regina  dei dolci Siciliani  queste cassate tutte decorate da me 
giorni diversi dipende della giornata ci sono altre decori ma sara per la prossima volta...  auguri e venvenuta nella mia vità..nei dolci che  amo fare... sei stupenda.... alessandra castillo.. Colombia.. con amor para Sicilia Palermo







cassata prodotto della pasticceria siciliana, e più specificatamente di Palermo, merita il posto d'onore tra i dolci tipici di questa regione; la cassata nata per celebrarela Pasqua dopo i sacrifici quaresimali, è divenuta di consumo comune durante tutto l'anno. I suoi decori sono barocchi, e sontuosi e la sua derivazione in realtà è di origine araba: il suo nome deriva dal vocabolo arabo "Quas'at", che significa scodella grande e tonda, e la ricchezza dei suoi ingredienti rispecchia le caratteristiche della cucina saracena, che ama armonizzare sapori contrastanti, come il Pan di Spagna ripieno di ricotta impastata con zucchero, vaniglia, pezzetti di cioccolato e di frutta candita e liquore (preferibilmente rosolio, rum o maraschino).Apparentemente semplice da realizzare.
la preparazione della cassata alla Siciliana richiede invece molta abilità  ',specie per creare le elaborate decorazioni di cui è largamente provvista.

Ingredienti per il ripieno           

          . Cannella un cucchiaino 
         cioccolato fondente 100 gr  
f        frutta candita 100 gr
         pistacchi pelati 50 gr 
         ricotta di pecora 600 g
         vanillina 2 bustine
                 zucchero 120 gr    ( io la preferisco meno dolce  quindi o messo meno zucchero )                 
   

                               

·  Per la pasta reale ( marzapane )                
 100  ml di acqua( versate prima metta )

200 gr farina 
colori alimentari verde qualche goccia
200 gr di zucchero a velo 
vanillina 1 bustina aroma di mandorle qualche goccia   
                 
                   

    PREPARAZIONE


PER IL MARZAPANE.. Prendete una terrina, e mettete dentro tutti gli ingredienti mescolando il tutto prima con un cucchiaio e poi a mano. Una volta ottenuto un composto e omogeneo continuare a lavorare il marzapane su un piano spolverato di zucchero a velo, fino a raggiungere la morbidezza e l'elasticità da voi desiderata, 
Aggiungere eventualmente dei coloranti se volete dare forma e colore ai vostri dolcetti di marzapane, potete creare qualsiasi forma con questa pasta e poi colorarla come volete di solito si creano dei 'fruttini 


Per il  pan di spagna secondo la mia ricceta promesso  (ve la faccio avere)  lasciatelo raffreddare (sarebbe meglio prepararlo un giorno prima in modo che si possa tagliare senza sbriciolarsi troppo).
Passate al setaccio la ricotta  freschissima   con lo zucchero   più volte finchè  la ricotta diventa un po cremosa  con un cucchiaio di silicona, incorporate lo  , la vanillina  e la  cannella  canditi e cioccolato.





T    Tagliate il pan di spagna  in orizzontale ricavandone quattro  dischi .
Foderate una tortiera dai bordi alti e del diametro di 
21 cm, con carta forno o oleata, e disponete un primo disco di pan di spagna  sul fondo; foderate anche i lati con pezzetti di  pan di spagna  e pasta  reale verde, avendo l’ accortezza di tagliarli della stessa misura e alternarli, (per il pan di spagna utilizzate uno dei quattro dischi che avete precedentemente tagliato)
Versate nella tortiera metà della crema di ricotta 
, livellatela bene, e poi copritela con un’altra fetta di Pan di Spagna; ripetete l’operazione con l’altra crema rimasta e chiudete con l’ultimo disco di pan di spagna; se volete si può ponciare con del rum o del maraschino

Ponete lo stampo in frigorifero affinché la crema si rapprenda bene. Una notte intera con un pezzo sopra(anche 4 ore se non avete tempo) Quando la torta sarà ben fredda estraetela dal frigorifero, toglietela dallo stampo 
capovolgendola su di un piatto e apprestatevi a ricoprirla interamente con una glassa bianca preparata unendo dell’acqua semplice o dell’acqua di fiori d’arancio con dello zucchero al velo e mischiandoli fino ad ottenere una consistenza densa ma colante.Coprite la cassata con la glassa  Lasciate  indurire la glassa(320 gr di zucchero a velo) e quindi guarnite la cassata con frutta candita e zuccata (zucca candita) tagliata a strisce sottili, ispirandovi alle foto qui riportate.  CONSIGLIO Per decorare la cassata, rimanendo fedeli alla preparazione tradizionale del dolce, dovreste procurarvi  dell’arancia e  della zucca candita, chiamata zuccata,la trovate nel mercato di Palermo fantastica.. che si può trovare in lunghe strisce da incurvare a mo’ di petalo di fiore. Potete poi usare tutto quello che più vi piace e divertirvi ad accostare i vari colori della frutta.
la cassata prima della decorazione 


Vi lascio con la mia di cassata e
altre decorazione ..
a presto 


Alessandra Castillo 



Follow by Email

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Forum

get your own embeddable forum with Talki

Visualizzazioni totali

Si è verificato un errore nel gadget

come trovate il mio blog cucinadelparadiso